Case histories

Pompe in plastica anti-corrosione

Figura 1
La figura n. 1 mostra un caso in cui non c'è stato il corretto scambio di informazioni sulla natura del liquido. In particolare, non erano giuste le informazioni riguardanti la concentrazione e la temperatura dell'acido da movimentare. La conseguenza di ciò è stata la scelta di materiali che hanno reagito in maniera non prevista a contatto con l'agente chimico. Il problema è stato superato non appena si sono raccolte le reali informazioni sul liquido.


Figura 2

In figura n. 2 è invece riportato il caso di una pompa verticale che lavorava immersa nel fango: da evitare per i conseguenti problemi di intasamento.


Figura 3Un altro caso di come il liquido può influire sul corretto funzionamento della pompa è illustrato nella figura n. 3: in questo caso il problema è rappresentato dalla presenza di corpi estranei nel fluido pompato. La presenza di svariati oggetti finiti accidentalmente nelle vasche (filamenti, cavi, parti di imballaggi, scarti di lavorazione, sacchetti, mozziconi di sigarette, ecc…) possono creare problemi quali l'intasamento dell'aspirazione o delle pale della girante.
Le pompe verticali sono normalmente provviste di una griglia sull'aspirazione in modo da evitare che corpi di dimensioni tali da danneggiare la pompa possano entrarvi. Le pompe orizzontali sono, ma solo in alcuni casi, più soggette a questo tipo di inconvenienti. In tutti i casi comunque, è consigliabile provvedere ad una grigliatura del liquido all'ingresso del bacino o della vasca di aspirazione in modo da evitare la presenza di corpi estranei.


Figura 4Nella foto n. 4 si possono vedere gli effetti di uno shock termico sulle facce di una tenuta meccanica. Se una tenuta meccanica non lavora in modo corretto con il fluido in pompaggio che provvede alla sua lubrificazione e all'asportazione del calore che si genera nell'attrito tra le facce di tenuta, si ha un notevole innalzamento di temperatura localizzato proprio sulle facce della tenuta. Se gli anelli surriscaldati vengono raggiunti dal liquido freddo allora si generano delle tensioni all'interno degli anelli che ne provocano la disgregazione. Anche in questo caso per prevenire fenomeni di questo tipo è importante che le condizioni di aspirazione siano sempre sotto controllo.


Figura 5Nell'immagine n. 5 sono evidenti gli effetti causati dal funzionamento a secco di una pompa verticale. Le pompe ad asse verticale con bussole di guida sono pompe progettate per lavorare in presenza costante del liquido. Infatti il liquido in pompaggio viene utilizzato anche per il flussaggio e il raffreddamento delle boccole di guida dell'albero. Se la pompa viene fatta lavorare senza liquido, allora si avrà un aumento della temperatura nella zona delle boccole di guida dovuto all'attrito: questo innalzamento di temperatura può portare alla fusione e al conseguente danneggiamento della sede delle boccole e dell'albero.

Figura 6

L'immagine n. 6 mostra un esempio di cristallizzazione del liquido e suoi effetti all'interno di una pompa centrifuga.








SAVINO BARBERA SRL Via Torino 12 P.O. Box 58 10032 Brandizzo (To) ITALY
P.IVA 00520820010 R.I.TO 272-1974-2166 REA 489443 Cap. soc. 48000€ i.v.

Tel +39 011 913.90.63 Fax +39 011 913.73.1            PRIVACY | ®2005-2012 Web Creare - Tutti i diritti riservati